Libia, svolta Berlusconi: «Raid mirati»

ROMA, 27 MARZO – L’Italia accoglie l’appello della Nato agli alleati. Il premier Silvio Berlusconi ha infatti dato il via libera ai bombardamenti in Libia da parte dei caccia italiani. Lo ha confermato ieri il presidente del Consiglio durante un colloquio telefonico con il presidente americano Barack Obama.

Cambia, decisamente, la posizione dell’Italia sulla guerra in Libia, dopo che il 15 aprile, durante il consiglio dei Ministri, Berlusconi era orientato ad escludere il coinvolgimento italiano.

«Non saranno bombardamenti indiscriminati, ma missioni di precisione su obiettivi specifici» ha precisato il ministro della Difesa, Ignazio La Russa».

Dura la posizione della Lega: «Se questo volesse dire bombardare non se ne parla. Il mio voto in questo senso non l’avranno mai», è il monito del ministro della Semplificazione Roberto Calderoli.

Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *