Caos rifiuti a Napoli: lunedì arriva l’esercito

NAPOLI, 6 MAGGIO – Il caos rifiuti unisce Napoli e Roma. Le strade del capoluogo campano sono da giorni zeppe di spazzatura e ieri Silvio Berlusconi ha annunciato il ricorso all’Esercito Italiano per ripulire le cataste di rifiuti.

L’annuncio del presidente del Consiglio è arrivato all’indomani dei nuovi blocchi stradali e delle accese proteste dei cittadini in vari quartieri della città, nell’hinterland industriale e nella provincia.

Non sono mancate le consuete stoccate del premier agli enti locali, che, secondo la sua opinione, non avrebbero fatto il loro dovere: «Non è stata nemmeno fatta la gara d’appalto per i due termovalorizzatori», ha aggiunto.

Il sindaco Rosa Russo Iervolino ha prontamente replicato in maniera ironica: «Berlusconi non si è commosso durante la Pasqua e per la festa si San Gennaro. Adesso si commuove solo per chi voto».

L’emergenza rifiuti nella Capitale è una novità assoluta: mille tonnellate di munnezza da raccogliere nei diversi quartieri a causa della chiusura imposta ad un impianto privato non regolamentare. E nel piano caos rifiuti si è aggiunta anche una denuncia sporta contro l’Ama, l’azienda municipalizzata che gestisce la raccolta romana.

Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *