Il Caso Ruby: l’ora della verità per Minetti, Fede e Mora

MILANO,  12 MAGGIO – A soli 5 giorni dalla richiesta di rinvio a giudizio della Procura di Milano, il gup Maria Grazia Domenico ha fissato per il 27 giugno prossimo l’attesa udienza preliminare per l’agente dei vip, Lele Mora, il consigliere regionale lombardo Pdl (ex igienista dentale di Berlusconi), Nicole Minetti, e il direttore del  Tg4, Emilio Fede.

Minetti, Fede e Mora sono accusati di favoreggiamento della prostituzione di 32 ragazzi maggiorenni e della minorenne Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori. Nella stessa inchiesta giudiziaria, è già a processo con rito immediato Silvio Berlusconi.

Nella richiesta di processo formulata dai pm milanesi Boccassini, Forno e Sangermano numerose sarebbero le prove a carico dei tre indagati: dalle intercettazioni telefoniche, ai verbali di perquisizione, dagli accertamenti sui conti correnti bancari riconducibili al presidente del Consiglio, ai contratti d’ affitto per gli appartamenti dell’Olgettina, fino alle deposizioni choc di Ambra Battilana e Chiara Danese, le due ex “papi girls” che poche settimane fa si erano presentate spontaneamente in Procura per rilasciare la loro versione su quanto sarebbe accaduto a una festa tenutasi nel mese d’agosto all’interno della lussuosa residenza del premier Berlusconi.

Il loro racconto confermerebbe peraltro la ricostruzione degli inquirenti milanesi e quella di altre cinque testimoni “chiave” sentite negli ultimi mesi dai magistrati milanesi. Secondo l’ipotesi accusatoria “le notti ad Arcore” si articolavano in tre tempi: si iniziava con una cena, poi si passava, secondo la loro versione, al “bunga bunga” in un locale adibito a discoteca, e infine alla  fatidica “scelta” da parte di Silvio Berlusconi di una o più ragazze con cui intrattenersi per la notte in rapporti intimi”.

INTERVISTA A GERRY SCOTTIGerry Scotti, noto conduttore televisivo dei canali Mediaset, ha commentato il caso Ruby in un’intervista rilasciata al settimanale “A”, afferma: «Il Rubygate l’ho vissuto con l’imbarazzo del padre di famiglia. Ho avuto al mio fianco le più belle donne della tv, da Valeria Marini a Martina Colombari, passando per Michelle Hunziker, Ilary Blasi e Silvia Toffanin. Con tutte c’è stato un rapporto di rispetto. Di quell’aria da basso impero che circonda il substrato di vallettame mi ero accorto da tempo, però, e da qualche anno ho deciso di condurre le mie trasmissioni da solo».

«A meravigliarmi – prosegue Scotti –  è la sorpresa generale per il caso Lele Mora. Sono almeno 15 anni che organizza festini per i manager della comunicazione, il suo è un sistema super collaudato».

Infine, conclude la sua analisi del fenomeno “bunga bunga” con una battuta sull’amico Fede:«Da ospite nei miei programmi, Fede è sempre stato molto buffo. La nostra conoscenza, però, finisce qui: di certe abitudini non sapevo nulla. Mi stupiscono, specie per l’età. Trovo che chi a 80 anni abbia così tanta voglia di divertirsi, deve averlo fatto poco a 20. Si vede che io avevo già dato

Redazione Centrale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *