Melania Rea, l’atteggiamento di Parolisi non convince

ASCOLI PICENO, 19 MAGGIO – L’inchiesta sul giallo di Carmela Melania Rea non rivela novità, fatta eccezione per la perquisizione «concordata» nell’abitazione del marito Salvatore a Folignano (Ascoli Piceno).

Cos’ è Gennaro Rea, padre di Melania, a rivolgere un appello al genero Salvatore Parolisi: «Deve spiegare tutto agli inquirenti, deve dire la verità. Dopo aver denunciato la scomparsa di Melania, si è cambiato – afferma Rea -. Aveva ciabatte e calzoncini. Per quale motivo?».

Poi interviene sulla relazione extraconiugale del genero con una delle sue allieve: «Non sapevamo nulla, altrimenti mia mia figlia, che non ne era al corrente, non sarebbe morta. Se poi l’avesse scoperto, era da poco. Credo il giorno prima dell’omicidio. L’avessi saputo non avrei fatto finta di niente».

Riguardo alla frattura ai funerali con la famiglia Parolisi, spiega: «La famiglia di Salvatore non è venuta a salutare. Ma non c’era freddezza. Poi abbiamo preso un caffè insieme. La piccola Vittoria? Starà con me e mia moglie».

Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *