Caso Strauss-Kahan, Ofelia insiste: «Non ero consenziente»

NEW YORK, 19 MAGGIO – Un rapporto sessuale «consensuale». Sarebbe questa la strategia difensiva dei legali di Dominique Strauss-Kahn, l’ex direttore del Fondo monetario internazionale in carcere per stupro e sequestro di persona negli Stati Uniti.

Dopo le dimissioni odierne, pilotate da pool legale e amministrazione Obama, l’obiettivo dei suoi avvocati sarebbe quello di dimistrare che Nafisatu Dialo, cameriera di origini africane, sarebbe stata consenziente di fare sesso con Strauss-Kahn nella lussuosa suite dell’hotel Sofitel di New York.

Ma il legale della donna, intervistato dal New York Times, ha seccamente smentito questa eventualità: «Non era assolutamente consenziente, non aveva alcuna idea di chi fosse né aveva avuto alcun genere di rapporti con quest’uomo. Adesso è pronta a fare tutto quanto le verrà chiesto», ha dichiarato l’avvocato Jeffrey Shapiro.

La donna originaria della Guinea-Bissau è una vedova 32enne madre di una ragazza di 15 anni e da tutti si fa chiamare Ofelia. Secondo il Washington Post vive ad Harlem in una casa riservata ai malati di Aids e sieropositivi.

Redazione

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *