Avetrana choc: Michele Misseri libero dopo otto mesi

TARANTO, 31 MAGGIO – L’ennesimo colpo di scena di un giallo che dura ormai da nove mesi: Michele Misseri torna libero.

Il contadino di Avetrana, reo confesso dell’omicidio della nipote Sarah Scazzi, e in carcere a Taranto dal fatidico 7 ottobre, ovvero dalla notte quando fece ritrovare – nel pozzo-cisterna di contrada Mosca – il cadavere della 15enne, è stato scarcerato ieri pomeriggio dal gip Martino Rosati, e avrà esclusivamente l’obbligo di firma nella stazione dei carabinieri di avetrana.

Secondo i magistrati, Sarah sarebbe stata uccisa nell’abitazione degli zii in via Deledda, ma «in assenza di Michele»: per questo motivo l’ex mostro è uscito dal carcere. Pur essendo ancora formalmente indagato per omicidio, infatti, dovrebbe rispondere solamente per i reati di villipendio e soppressione di cadavere, per i quali però sono già scaduti i termini della custodia cautelare.

Michele Misseri, su richiesta del Sindaco di Avetrana, è stato sottoposto ieri ha dei controlli ospedalieri per valutare il suo stato di salute.

Redazione Centrale

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *