Insulta il portiere, Galeazzi è costretto a risarcirlo

ROMA, 7 Ottobre – Arriva dalla Cassazione la conferma della multa di 300 euro al giornalista della Rai Giampiero Galeazzi per aver insultato il portiere del condominio nel quale abita.

Conferma di aver agito in questo modo in seguito a uno stato d’ira in quanto il portiere non gli consegnava regolarmente la posta, ma questo non è bastato a sospenderlo dalla multa. “Sei un meridionale di m…., non sei capace nemmeno di guardare le pecore” questi e altri insulti sono stati pronunciati dal Bisteccone nazionale.

La Corte Suprema ha sottolineato che sebbene il portiere non avesse eseguito bene le sua mansioni, la circostanza non sarebbe utilizzabile a “giustificare la violenta aggressione verbale e l’uso di espressioni gravemente lesive della dignità e del decoro della persona offesa”. Inoltre la Cassazione ha ricordato che “qualsiasi contestazione o riserva sulla correttezza dell’operato del portiere, avrebbe dovuto trovare sfogo in sede assembleare e non già nel gratuito e ingiurioso attacco alla persona”.

Nella sentenza del 30 settembre 2009, il giudice di Pace lo aveva condannato a 500 euro di multa. Ricorso in appello Galeazzi ha avuto uno sconto di 200 euro per la concessione di attenuanti generiche prevalenti sulle circostanze aggravanti. Il portiere solo dopo due anni è riuscito ad ottenere il risarcimento.

 

Letizia Ferro redazione Romatg24.it

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *