Alluvione in Liguria e Toscana: 7 vittime. Aulla, Monterosso e Vernazza sepolte dal fango

ROMA, 28 Ottobre – Il Consiglio dei Ministri, convocato d’urgenza questa mattina, ha deliberato lo stato di emergenza per le zone colpite dall’alluvione di martedì 25 ottobre. 65 milioni di euro sono stati stanziati subito per fronteggiare l’emergenza in Liguria e Toscana. Lo ha annunciato il Ministro per le Infrastrutture, Altero Matteoli, in visita nelle zone alluvionate, che ha così commentato l’accaduto: “Un disastro così non me l’aspettavo, è molto peggio di come lo immaginavo.”

Intanto, sale a 7 il numero ufficiale delle vittime dell’alluvione, che martedì ha colpito il Levante Ligure e l’Alta Toscana, spazzando via letteralmente i comuni di Vernazza e Monterosso, nelle Cinque Terre. In mattinata è stato estratto dalle macerie di una casa a Cassana, frazione di Borghetto Vara, il corpo senza vita di un giovane romeno. Una decina risultano invece finora i dispersi.

Proseguono, nel frattempo, le operazioni di soccorso della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco soprattutto nelle province di La Spezia e di Massa Carrara, le zone più colpite dal nubifragio. Sale il numero delle persone sfollate a causa dell’emergenza, e in molti paesi mancano ancora corrente elettrica, acqua e gas, mentre si continua a scavare nei comuni sommersi dal fango, e a setacciare le coste alla ricerca delle persone disperse.

Miglioramenti si registrano soltanto nel settore della viabilità: le autostrade A12 e A15 sono state, infatti, riaperte a senso unico alternato. Per quanto riguarda, invece, i collegamenti ferroviari, nella serata di ieri è stata ripristinata la circolazione sulla linea ferroviaria Genova-La Spezia, nel tratto compreso tra Monterosso e Corniglia.

Francesca Garreffa – Redazione Romatg24.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *