Alluvione Calabria: Massimo livello di allerta in 40 comuni. Report da Isca e Badolato

CATANZARO, 9 Novembre – Piove da oltre 12 ore in Calabria, con molti disagi per la popolazione soprattutto lungo il basso Jonio catanzarese. La zona più colpita dal violento nubifragio, al momento, è quella del Soveratese, in provincia di Catanzaro.

Nel centro di Isca sullo Jonio, cittadina a pochi km di distanza dalla perla dello Jonio, la zona marina rimasta completamente isolata per diverse ore, dopo l’allagamento dei sottopassi che permettono l’accesso alla lungomare. E’ stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco per abbattere un muro, fare defluire l’acqua e drenare la parte restante.

In mattinata, nella stessa cittadina, stata anche evacuata la scuola materna, invasa da un fiume d’acqua e fango, con gli stessi Vigili del fuoco che hanno aiutato i bambini e il personale a sgomberare l’edificio per fare rientro a casa. Diversi gli incidenti sulla strada della morte, la statale 106, prevalentemente a causa del cattivo tempo e delle condizioni viscide dell’asfalto. Disagi anche nei centri adiacenti di Badolato e Sant’Andrea, sempre nel Catanzarese.

A Reggio Calabria, infine, un violento nubifragio ha mandato in titl la circolazione stradale a causa di diversi allagamenti. Il Centro funzionale multirischi dell’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria (Arpacal), intanto, ha allertato 40 comuni, dei quali 12 in livello 3 (massimo livello di allerta).

VIDEO| L’ALLUVIONE AD ISCA MARINA

Redazione Calabriatg24.it

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *