Incidente mortale in pista: dopo Simoncelli perde la vita Guido Falaschi

ROMA, 14 Novembre – Il 22enne argentino Guido Falaschi, promessa del motorsport non ce l’ha fatta. “Il Piccolo Principe” (com’era stato soprannominato dai fans) è deceduto a seguito dell’incidente avvenuto all’autodromo di Balcarce, in Argentina, durante una gara del Turismo Carretera.

Il mondo del motorsport, si trova a dover fare i conti con l’ennesima morte nelle ultime settimane. Il terribile incidente è avvenuto domenica durante l’ultimo giro della corsa motoristica più popolare in sud America nell’Autodromo Juan Manuel Fangio della città di Balcarce. La dinamica dell’impatto è stata decisamente sfortunata: Falaschi è finito fuori pista per evitare la vettura di Leonel Larrauri e, dopo aver urtato violentemente le protezioni, la sua auto è stata catapultata al centro della pista, dove è stata centrata in pieno dalle auto di Guillermo Ortelli e Nestor Girolamo, che arrivando ad alta velocità non sono riusciti a evitarne l’impatto. Immediata l’esposizione della bandiera rossa, che ha posto fine alla corsa. I medici, una volta arrivati sul posto, hanno capito subito che la situazione era disperata, ma hanno provato comunque a disporre il trasporto in elicottero verso l’ospedale, che purtroppo si è rivelato vano. Guido Falaschi, è deceduto in ospedale poco dopo il ricovero a seguito delle gravi ferite all’addome. Quella di Falaschi è la quarta morte nelle ultime cinque settimane, dopo quelle di Dan Wheldon nella Indycar a Las Vegas, di Marco Simoncelli in MotoGp a Sepang e quella del freestyler Jim McNeil, avvenuta mentre preparava un’esibizione da effettuare prima della gara della NASCAR a Fort Worth.

L’incidente riporta all’apice il tema sicurezza e mentre molti si interrogano ancora sulle dinamiche dell’incidente di Marco Simoncelli, un altro caso, purtroppo mortale infiamma l’acceso dibattito.

Alla famiglia e agli amici vanno le condoglianze della redazione di Romatg24 e Calabriatg24

VIDEO| IL TERRIBILE INCIDENTE

Alessia Ribezzi

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *